Shina Lab

An tsaotharlann na Shina

Scemo chi [NON] legge. [1.] Malvagiuamente…

Dunque… bentornati nel Pantagruelico Antro della Maestosa et Chiara et Solenne Dea Shina, Madames et Messieurs.

Come accennato, si è da poco concluso il mio primo contest a tema Horror  *qualcuno porti dei sali per Madame.. su,su, andiamo, si riprenda*. Cioè il contest che ha visto vincitore Malvagiuo [potete trovarlo a questo nome sul sito EFP per scrittori e fanwriters emergenti]. L’iter per partecipare era  *ahimèchiedovenia* piuttosto complesso, per cui molti hanno rinunciato a partecipare anche dopo l’iscrizione al contest.

Il nostro Impavido Scrittore Senza-macchia-e-senza-paura, ha portato a termine l’impresa, classificandosi primo in graduatoria con una storia dal titolo “L’alleanza della vita e della morte”. Tanto di cappello, per i 92/100 conquistati su un massimo  *Ma Messieur, lei è un genio* di 100/100.

["Faceva freddo, quella notte.
In verità faceva sempre freddo sulle sponde del lago ghiacciato. Ma quando il vento, come un fiume invisibile, scorreva in mezzo agli alberi della foresta fino a raggiungere l’estremità opposta dell’acqua ghiacciata – dove si trovava la casa –, il freddo si trasformava in gelo."]
Ed è proprio sulle rive di questo lago, proprio tra le quattro pareti di questa casa *all’apparenza normale* che si compie il destino dei due protagonisti, due fratelli, Max e Maxime. In una casa abitata da donne che disprezzano il genere maschile, la vita può divenire particolarmente difficile per un bambino come Max. Un bambino abituato a subire senza alzare la voce. Eppure il fato, un cammino scosceso e doloroso che lo porterà dritto dritto in fondo al lago, aveva  progetti diversi per lui.
Ecco a voi una storia dove la morte non è mai la fine, dove chi è innocente non lo resta per sempre, e dove le maledizioni di famiglia si trasmettono col sangue.

Questa, in grande sintesi, è la trama della nostra storia… à lire*

*a leggere, pelandroni…!!

Bye now.

"Toccando Maxime, scoprì che lei non aveva nessuna ‘vergogna delle vergogne’."

This entry was posted on giovedì, settembre 27th, 2012 at 14:48 and is filed under Recensioni. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed. You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply





XHTML: You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>